• LETTURE

    LA MULTA

    “Fu la multa che mi fece capire la gravità della cosa!” La voce della donna era stridula, come se faticasse a trattenere il pianto. Il giudice Risi, un bel tipo, che somigliava un po’ a Carofiglio, si sporse sulla scrivania ingombra. Quel gesto familiare gli diede un senso di benessere. Quanto gli era mancata la sua scrivania! E il rapporto viso a viso. La donna portava ancora una mascherina, anche se il pericolo era passato da mesi. C’era un nome per quella nevrosi, ma il giudice non voleva ricordarlo. Voleva dimenticare i mesi della pandemia, ma non ci riusciva. E poi, quando ci era quasi arrivato, al benefico oblio, ecco…

  • LETTURE

    Bollywood Babilonia

    Bellissima. Distesa sul letto, supina, con le braccia alzate sopra la testa, come se si stesse stirando languidamente. In realtà, un sottile laccio di seta le cingeva i polsi, assicurandoli saldamente alla testiera del letto. Le mani, i cui palmi erano decorati con l’henné, erano coperti da un’aureola nera di capelli. In quella posizione, sembrava spingesse i seni verso l’alto, verso la mano avida di un amante. Anche la pelle tesa del ventre pareva invitare a morbide carezze. La gamba destra piegava sulla sinistra, in una posa vezzosa. Un angolo del lenzuolo celava il pube, ma non la seducente curva dell’anca. Ashit seguì con lo sguardo l’intera lunghezza della coscia…

  • LETTURE

    Tutti i nodi del destino

    Da “Sfiga, fortuna e altre teorie. Studi sull’antica saggezza del destino” di Lupo Ming Edizioni Serissime e Profondissime, p. 3 I “nodi del destino” possono essere fortunati, sfigati o neutri, ma hanno comunque determinate caratteristiche. Un nodo del destino di tipo A (il più semplice) è quello che vi fa trovare una moneta quando non avete soldi per un panino (nodo A fortunato) o che vi fa perdere il portafogli quando avete una fame di panino da non vederci più (nodo A sfigato). Un nodo ti tipo A neutro è quando trovate una moneta e non sapete che farvene, ma intanto ve la infilate in tasca e siete più contenti.…

  • LETTURE

    Libri e allori… gioie e dolori!

    Che cos’è la letteratura, amici? Un modo obsoleto per passare il tempo risalente a epoche in cui non c’era nulla di meglio? Il frutto di menti malate per il piacere di altre menti malate? Una nobile attività che eleva lo spirito? Un’industria spietata? Un mezzo di comunicazione o piuttosto un mezzo per confondere le acque con idee inutili? Vita vissuta che diventa pagina scritta o pagina scritta che si atteggia a vita? Tanto fumo e poco arrosto o molto arrosto senza fumo? E chi sono gli scrittori? Una categoria di psicopatici? Marpioni dalla parolina facile? Fantocci per i mass–media? Personaggi oscuri e misteriosi? Cuochi di banalità o chef che sanno…

Follow by Email
Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn